PRESS

ABOUT “Making friends”

Abeat Records – ABJZ 522 – 2013

522-OirTrio

Giulio Scaramella: pianoforte
Marco Trabucco: contrabbasso
Max Trabucco: batteria
Klaus Gesing: sax soprano, clarinetto basso

 

L’Oirtrio è una formazione attiva dal 2011. E’ un workshop tenuto in piedi da tre musicisti, Giulio Scaramella al pianoforte, Marco Trabucco al contrabbasso e Max Trabucco alla batteria, che si prefiggono una crescita e maturazione costante nell’ambito di una musica, il jazz, che offre continui stimoli e momenti di innovazione e sperimentazione. E’ un progetto che si consolida negli anni e fa di loro un piano trio moderno, sganciato dal mainstream e proiettato verso sonorità a metà strada tra il sound afroamericano di ricerca e quello europeo. Alla base del loro jazz c’è l’improvvisazione, composizioni originali contenenti idee e sperimentazioni timbriche, tecnica e nuovi linguaggi. Making Friends è un affresco di quello che giorno dopo giorno stanno realizzando, attraverso un interplay efficace, minuzioso nei dettagli, e matematico negli incastri cronologici.
Pur essendo un’opera prima non contiene le incertezze degli esordi, le amnesie, o le sfasature ritmiche e tecniche. Anzi, oltre ad essere in piena sintonia, i tre si concedono assolo calibrati, equilibrati e in piena economia con il contesto temporale delle singole composizioni. Queste ultime poi (otto in totale più una cover di Monk, Bye Ya), tutte scritte da Scaramella – che immaginiamo sia un “fan” del pianista americano a cui omaggia Funkamonk -, tranne una, Fla, da Trabucco, rasentano freschezza espositiva, temi accattivanti, ritmi vivaci e carichi di colore e calore. La presenza del sassofonista tedesco Klaus Gesing aggiunge sapienza e lirismo, prerogative che vanno a rafforzare la tenuta melodica del disco. I suoi interventi in Sandrigo, Green Weeks, Young e Didi, sono momenti di alta scuola jazzistica e valorizzano ancor più il lavoro di costruzione che il trio fa sia in quei brani che in quelli restanti (Scarf Theme, Bye Ya, Betty, Funkamonk e Fla), perché rendono il disco completo, variegato e “semplicemente complesso”.

 
Jazzconvention.net

“Excellent trio!  You three play together really well, and the songs are of a very high quality.  And, of course, I much enjoyed your bass playing, Marco.  The bass sounds very good to me, rich and deep, and I like very much what you’re playing. Your playing shows maturity beyond your years.”

Steve Swallow

“There is a high level of artistry happening in this ensemble. It is beautiful to hear improvised music where all the players have a collective vision and conception. When the stars are aligned it can be amazing. Congratulations.”

Sid Jacobs

“I like the compositions and arrangements very much, the sound and balance of the recording as well. You sound great on it Marco, very solid and in tune overall and nice, lyrical solos, very nice!”

Fernando Huergo